Comune di Gonars

Vrhnika, città gemellata

Ricerca rapida


< vai al contenuto centrale




Cerimonia del I novembre

 
 
 
 
 

 

Il primo novembre a Gonars davanti a 200 persone, nella palestra di base, alla presenza di rappresentanze delle istituzioni, delle armi, delle associazioni, delle aministrazioni comunali e regionali, si è tenuta la tradizionale celebrazione della cerimonia in cui le autorità italiane slovene e croate ricordano i tragici avvenimenti accaduti nel campo di concentramento per internati civili che sorgeva sulla stradalta.

Erano presenti il sindaco di Gonars Marino Del Frate l’Onorevole Ivano Strizzolo, il Vicepresidente del Consiglio regionale Annamaria Menosso, il Console croato Gordana Biljetina e la deputata slovena Alenka Pavlic con il rappresentante dell’ANPI e degli antifascisti croati.

Unanime la condanna e l'impegno a perpetrare la memoria dei fatti accaduti specialmente nei confronti dei giovani. Il Sindaco di Gonars ha chiesto, citando il Presidente Napolitano nel suo discorso di Pola del 3/9/2011, perdono reciproco per le atrocità commesse nelle terre d’Italia e di Jugoslavia. Il Consigliere Menosso e l’Onorevole Strizzolo hanno rimarcato che il gemellaggio tra Gonars e Vhnika, cittadina slovena da cui provenivano la maggior parte degli internati nel campo di concentramento, avvenuto 30 anni fa, nel periodo di forte contrapposizione ideologica tra Italia e l’allora Jugoslavia, aveva contribuito nel suo piccolo a costruire i legami tra i popoli che sono alla base dell'Unione europea. Di ricordo e di Europa hanno parlato le delegazioni straniere ringraziando la Amministrazione comunale di Gonars per l’impegno continuo nel mantenimento della memoria attraverso la annuale cerimonia e la cura dei monumenti. Successivamente le delegazioni si sono recate sul tempio ossario del camposanto e sul monumento del fiordo eretto sulla stradalta per la deposizione dei fiori. Successivamente c’è stato il tradizionale intrattenimento conviviale per i convenuti e per gli ospiti stranieri a base di piatti della tradizione friulana. Lo spuntino si è svolto in palestra dove si è tenuta la parte istituzionale della cerimonia a causa del cattivo tempo ed è stato offerto dalla CAMST, in collaborazione con la MUNUS e il Salotto punto d’incontro, che la Amministrazione ringrazia per la disponibiltà e la cortesia.