Oltre il filo

Miercus ai 2 di Mai aes 8.30, te Sale Astra dal Cine Visionari, al è stât proietât “Oltre il filo“, un documentari di Dorino Minigutti sul cjamp di concentrament di Gonârs, la anteprime cinematografiche che e vierç la otave edizion di Vicino/Lontano e prime nazionâl dal documentari.

La serade e je stade organizade in colaborazion cul Centri Espressions Cinematografichis e cu la Taule da la Pâs dal Comun di Udin.

Oltre il filo (durade 82’), che al à ancje une version curte par la television, al è il prin esempli di coproduzion transfrontaliere da la aree Alpeadrie e al è stât realizât di Agherose e Immaginaria (Italie), Zavod Kinoatelje (Slovenie) e Focus-Media (Cravuazie). Minigutti al à colaborât cuntun grup di produzion internazionâl, dulà che a fasin part il diretôr da la fotografie Bruno Beltramini, il montatôr Sanjin Stanic', il musicist Aleksander Ipavec, lis regjistis di jutori Maja Stegovec e Ivana Paskvan, il tecnic dal sun Francesco Morosini e Ernesto Zanotti, che al à curât la animazion dai disens. Il cine al è stât cofinanziât dal Font Regjonâl pal Audiovisîf dal Friûl Vignesie Julie, il Ministeri da la Culture sloven, il Font pal Audiovisîf da la Cravuazie, il Comun di Gonârs e lis citât di Rijeka e Kastav. Cun di plui ancje la RAI - sede regjonâl dal Friûl Vignesie Julie - e lis TV nazionâls slovene e cravuate a àn contribuît a la realizazion dal cine.

Il documentari al conte la storie di fruts slovens e cravuats che tal 1940 a jerin a stâ dilunc da la linie di confin tra i doi Paîs cuant che a rivarin lis trupis talianis tal 1941 e l'internament di miârs di lôr tal cjamp di Arbe-Rab, une isule da la cueste de Dalmazie, e po in chel di Gonârs dulà che un grum di lôr a muririn di fam e di malatiis.

Cul jutori dai disens e di tescj che no jerin ancjemò stâts publicâts fats di chei fruts cuant che a tornarin in patrie, par mieç des lôr vôs aromai anzianis e cui ricuarts dai talians che a jerin a stâ dongje dal cjamp di Gonârs il documentari al compagne i fruts di chê volte intun viaç ta la memorie.

http://blog.vicinolontano.it/?attachment_id=2235.

Si scoltin ancje lis vôs di cui che, frut a Gonârs tal 1942, si vise di vê osservât – cence capî in chê volte – chei piçui presonîrs “oltre il filo”, scheletrics e mal vistûts.

La potence evocative dai disens e va dongje a lis testemoneancis di vuê e a lis contis di îr – i temis scolastics che i fruts a àn componût a la fin da la vuere. Cualchidun al à il trat infantîl dai stes fruts, che ju faserin tal timp da la lôr permanence a Gonârs (un grum di chei ju à metûts a disposizion la fie dal dotôr Mario Cordaro, che al fo miedi tal cjamp), altris a son disens dai zovins artiscj da la Academie di Lubiane, ancje lôr internâts.

Daspò da la proiezion, l’incuintri cul storic Carlo Spartaco Capogreco, docent da la Universitât da la Calabrie e president da la Fondazion Ferramonti, cun Dario Mattiussi, Segretari dal Centri isontin di ricercje e documentazion storiche e sociâl e cul stes autôr dal documentari.

Tra chei che a son intervignûts tal dibatit a son stâts il Sindic di Gonârs Marino Del Frate che al à ringraciât a non dai siei concitadins ducj chei che a àn contribuît a la realizazion dal cine e a la organizazion da la serade di proiezion.

Il Sindic al à sotlineât il lavôr da la sô aministrazion tal tignî vive la memorie di chei events a traviers da la costruzion di un monument dulà che a jerin lis barachis dal cjamp, la organizazion da la visite al cjamp di Gonârs, fate al 1n di Novembar dal 2012, da la siore Barbara Miklic Turk, femine dal President di cumò da la Slovenie, che e ve la mari internade propit a Gonârs, l’invît al President da la Republiche Napolitano a visitâ il cjamp tal so prossim viaç istituzionâl in Friûl e i rapuarts strets e une vore amichevui cu la citât zimulade di Vrhnika di dulà che a rivave la plui part dai internâts.